domenica 14 maggio 2017

FINE TURNO- STEPHEN KING

Ho finito la trilogia di Mr. Mercedes, nel post di oggi le mie considerazioni su questo ultimo capitolo della saga!

(sperling.it)
Se vi siete persi i post sugli altri due libri precedenti a questo trovate i link qui e qui.

SCHEDA TECNICA:

Traduttore: G. Arduino
Collana: Pandora
Anno edizione: 2016
Pagine: 477 p. 

La trama:
In un gelido lunedì di gennaio, Bill Hodges si è alzato presto per andare dal medico. Il dolore lo assilla da un po' e ha deciso di sapere da dove viene. Ma evidentemente non è ancora arrivato il momento: mentre aspetta pazientemente il suo turno, infatti, Bill riceve la telefonata di un vecchio collega che chiede il suo aiuto, e quello della socia Holly Gibney. Ha pensato a loro perché l'apparente caso di omicidio-suicidio che si è trovato per le mani ha qualcosa di sconvolgente: le due vittime sono Martine Stover e sua madre. Martine era rimasta completamente paralizzata nel massacro della Mercedes del 2009. Il killer, Brady Hartsfield, sembra voler finire il lavoro iniziato sette anni prima dalla camera 217 dell'ospedale dove tutti pensavano che sopravvivesse in stato vegetativo. Mentre invece la diabolica mente dell'Assassino della Mercedes non solo è vigile, ma ha acquisito poteri inimmaginabili, tanto distruttivi da mettere in pericolo l'intera città. Ancora una volta, Bill Hodges e Holly Gibney devono trovare un modo per fermare il mostro dotato di forza sovrannaturale. E a Hodges non basteranno l'intelligenza e il cuore. In gioco, c'è la sua anima. (IBS.it).

Cosa ne penso?
Ho letto questo libro davvero tutto d'un fiato nonostante le oltre 400 pagine. Si fa leggere che è una meraviglia in poco tempo senza risultare mai noioso o scontato.
Tutti i pezzi del puzzle vanno al loro posto con questo ultimo capitolo della saga. Se non hai letto i due libri precedenti però niente paura: capirai tutto alla perfezione visto che l'autore si prende la briga di riassumere sempre all'interno della storia tutti i passi salienti dei libri precedenti.
In questa storia l'irreale si mescola al reale creando una sorta di miscuglio fanta-poliziesco, passami il termine. Ritengo sia una caratteristica che dà un tocco brillante e originale all'intreccio.
Il finale è dolce e amaro, per non cadere nella retorica dell'happy ending e non scadere in qualcosa di scontato.

In generale ho trovato il libro molto ben scritto e brillante per contenuti trattati. Una lettura davvero scorrevole, dettaglio non da poco, merito dell'autore in primis e poi del traduttore.
Sicuramente ti consiglio la lettura, Stephen King è sempre una garanzia anche se non dovesse piacere il genere.

Laura